Il Presepe Vivente

IL  PRESEPE  VIVENTE

E’ fra le manifestazioni più recenti, ma non è sicuramente la meno importante. Da rappresentazione prettamente religiosa degli anni duemila, da qualche anno si è trasformata in una vivace rappresentazione della Natalità, nei giorni del 26 Dicembre e 6 Gennaio. Il luogo si presta in particolare: la Chiesa di San Giacomo e le aree circostanti, la Cripta di recente scoperta compresa, la strada rotabile di accesso e la piazza antistante la Chiesa, sono diventate il giusto è naturale scenario della rappresentazione del presepe vivente.Le dimensioni della manifestazione si racchiudono nei suoi cento figuranti circa, che rappresentano le varie scene più importanti, arricchite da arti e professioni della tradizione locale, dal falegname al pescatore, alla lavandaia, alla massaia che impasta le zeppole “cresciute”, tradizionali nel periodo natalizio furorese. Non mancano gli animali, portati da contadini che ancora annoverano l’asino, il bue, le pecore e le capre, fra quelli presenti nelle loro stalle. Tradizioni e mestieri che vanno sempre di più scomparendo e per questo, oggetto di maggiore attenzione da parte degli organizzatori della Pro Loco.

Print Friendly, PDF & Email
Translate »