Servizio Civile

SERVIZIO CIVILE

SERVIZIO CIVILE

Progetto per l’impiego di volontari in servizio civile in Italia

Ente proponente il progetto: U.N.P.L.I.  Nazionale

Codice accreditamento:  NZ01922

Albo e Classe di iscrizione:  Nazionale – 1.a classe

Titolo del progetto: Principato di Salerno espressione di storie e culture

Settore Patrimonio Artistico e Culturale

D/03 – Valorizzazione storie e culture locali

Codice nazionale progetto NAZNZ01922117103256NNAZ

 

BANDO ANNO 2018

Monitoraggio Sede Servizio Civile Unpli Campania

ASSOCIAZIONE PRO LOCO FURORE

Codice sede:  124166

Telefono  331-4961224

Email:  prolocofurore86@gmail.com

Presidente Pro Loco:  Giovanni Locatelli

OLP sede:  Angelo Capriglione

Volontario Servizio Civile 1:  Giovanni Fusco

Volontario Servizio Civile 2 – Anna Maria Candido

 

L’UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) è un organismo associativo che raccoglie e coordina le Associazioni Pro Loco su tutto il territorio nazionale, con soci appartenenti a vari gruppi sociali e che svolgono professionalità di vario tipo. Ha permesso a tante piccole realtà, spesso minuscole, di misurarsi in ambito nazionale, offrendo una concreta possibilità di svilupparsi e, soprattutto, di farlo all’interno di una progettazione che favorisce la cittadinanza attiva offrendo, in sintesi, la possibilità di crescere e di essere più efficaci sul territorio nella promozione dei valori dell’appartenenza, della solidarietà sociale, della cultura e delle tradizioni delle nostre popolazioni.

 

Il presente progetto riguarda, come detto, il settore “Patrimonio Artistico e Culturale”, in particolar modo la valorizzazione di storie e culture locali.

Questa scelta è legata all’attività di tutela e valorizzazione dei beni culturali che da anni le pro loco portano avanti quotidianamente con passione e con amore incondizionato per la propria terra; il perseguimento di queste azioni esplicitano il senso di appartenenza viscerale ai luoghi di origine e una coscienza civile molto forte.

Oggi più che mai e soprattutto nella nostra Nazione, risulta sempre più urgente e fondamentale una azione di tale tipologia. La creatività e l’ingegno delle menti più acute dei nostri antenati, hanno prodotto un patrimonio straordinario di arte, artigianato, architettura, usi, costumanze, riti, folclore non solo in territori ricchi ed emancipati, ma anche soprattutto in aree depresse e, spesso, soffocate da privazioni, sofferenze, emarginazioni. Un patrimonio immenso dove artigianato, spesso, significa arte e comunque sono le testimonianze.

Le continue (anche recenti) gravi violenze perpetrate ai danni del patrimonio culturale della nazione, la mancanza di vigilanza e controllo, la superficiale e ipocondriaca attenzione della popolazione alla fragilità, alla vulnerabilità e al reale valore dei BENI CULTURALI, ci pone oggi più che mai nella inevitabile condizione di rafforzare la conoscenza, la protezione, il corretto uso e la doverosa tutela di tali BENI, nella consapevolezza che più che un valore economico, artistico, essi rappresentano la nostra “anima” costituitasi nel corso dei secoli attraverso l’ingegno, la creatività, la perseveranza e, spesso, il sacrificio e le privazioni dei nostri antenati e che, proprio per i valori universali che essi esprimono, meritano più considerazione rispetto e protezione per poter far si che le generazioni future possano riceverli in dote.

L’obiettivo fondamentale del progetto “PRINCIPATO DI SALERNO ESPRESSIONE DI STORIE E CULTURE” è il potenziamento dell’azione di sensibilizzazione all’impegno Culturale sui territori sia da parte degli enti che da parte dei residenti e dei giovani in particolare. Il potenziamento delle qualità positive, insite nella cultura del territorio e nelle risorse che lo rappresentano, consente di consolidare nella gente il senso di appartenenza, condizione indispensabile per l’affermazione della cittadinanza attiva, unica vera risorsa per la realizzazione di un progetto a lunga durata e credibile delle piccole realtà locali.

A partire dalla riscoperta della cittadinanza attiva è possibile promuovere nuove sensibilità educative e formative, far crescere la rete sociale (attivandone risorse e potenzialità), migliorare le forme di comunicazione e la comunicazione stessa nel territorio, favorire la crescita e la strutturazione di luoghi di aggregazione per giovani e meno giovani.

Con l’impiego dei volontari servizio civile, sarà possibile accrescere la coscienza della potenzialità del territorio e raggiungere un livello più alto di conoscenza dello stesso e dei beni culturali (sia materiali che immateriali) da parte della popolazione, ma soprattutto da parte dei giovani, attraverso strumenti che rendano visibili e fruibili i beni del territorio.

In primo luogo con azioni di informative esterne attraverso il sito URL, newsletter, comunicati stampa, incontri etc. con la collaborazione di partner istituzionali, specie quelli della comunicazione (Service & Communication, Mercogliano news, Hubcom, Prolocando etc).

 

Il progetto intende ricercare, promuovere e proteggere l’identità culturale dei luoghi interessati nella Provincia di Salerno dove esistono ricche e significative testimonianze, la conoscenza dei diversi centri dove il fascino della storia e della cultura lasciata dai diversi popoli, ha sviluppato tradizioni nell’arte, nella cultura, nell’artigianato e negli usi e costumi delle popolazioni locali. Gli obiettivi specifici primari che si intendono perseguire sono:

  1. a) Registro delle attività e delle manifestazioni che si realizzano con continuità nelle varie località;
  2. b) Inventario delle attività artigianali, artistiche e musicali, afferenti agli aspetti cultuali;
  3. c) Realizzazione di corsi di informazione sull’artigianato e l’arte, per i più giovani (14-21 anni), intesi come valorizzazione dell’individuo attraverso la riscoperta delle attitudini e dei talenti personali per il raggiungimento di una forma di autostima, con il conseguente miglioramento della qualità di Vita e possibilità di inserirsi nel mondo lavorativo;
  4. d) Organizzazione di convegni e mostre atti a rassegnare le celebrazioni tradizionali e a promuovere le attività artistico-artigianali connesse;
  5. e) Coinvolgimento degli ospiti che frequentano le nostre località nel fare cultura, nelle rievocazioni storiche e religiose delle celebrazioni sacre e laiche individuate nelle località afferenti al progetto con visite guidate ai beni culturali (chiese, castelli, palazzi storici, testimonianza archeologiche etc);
  6. f) Promuovere le attività e le finalità progettuali attraverso l’elaborazione e l’attuazione di un piano di comunicazione e diffusione dei risultati previsti nel progetto;
  7. g) Catalogazione dei Beni Culturali con il coinvolgimento di enti e organizzazioni locali, con raccolta documenti, dati e testimonianze.

Il tutto, come appare evidente, al servizio delle nuove generazioni che attraverso la conoscenza della storia riusciranno a riconoscersi in una identità culturale ben definita e quindi a promuovere attraverso l’arte la cultura e le tradizioni, le località coinvolte nel progetto e con esse l’intera provincia. Detto obiettivo potrà essere raggiunto grazie alla cooperazione con le realtà associative e istituzionali presenti sul territorio, al contributo dei Partner individuati e soprattutto, grazie all’apporto dei volontari servizio civile.

Le Pro Loco afferenti al presente progetto svolgeranno azioni specifiche coordinate dalla sede capofila, Pro Loco Minori supportata da UNPLI Campania sede di Contrada, unica interlocutrice presso i referenti istituzionali che dispongono dei mezzi economici e che possono definire le politiche territoriali dell’area interessata e sostenere anche la proposta in atto.

Print Friendly, PDF & Email
Translate »